Skip to content

Le Istituzioni dalla parte delle donne

This is Tooltip!

Per Time4child parlare di diritti è parlare di futuro: è dal riconoscimento dei diritti degli individui e delle comunità che si passa al rispetto dell’ambiente in cui quegli individui vivono e lavorano. Con una particolare attenzione ad uno dei temi più preoccupanti della nostra attualità: la violenza di genere, fenomeno in costante crescita che non sembra volersi arrestare.

E’ una battaglia culturale e sociale che si combatte insieme e con più strumenti se le Istituzioni sostengono il lavoro di realtà che tutti i giorni si occupano di parità di genere e di violenza

Ed è proprio dal fronte delle Istituzioni che arriva la prima buona notizia di questo 2022. Nel capitolo della manovra della legge di Bilancio dedicato alla parità di genere e alla violenza contro le donne il Parlamento garantisce oltre 20 milioni di euro da utilizzare per agire su diversi fronti, dalla parità nel lavoro con il fondo di 3 milioni per il 2022 per le attività di formazione per le aziende che abbia l’obiettivo di promuovere la certificazione della parità di genere, al contrasto alla violenza anche attraverso il rifinanziamento del reddito di libertà, garanzia per le donne per poter uscire da una situazione di violenza, un passo in più per iniziare una vita dignitosa. La Ministra Bonetti nell’ultima edizione di Time4child – Feed the Future nel webinar “Il coraggio di cambiare” lo ha descritto come una delle azioni concrete del piano della lotta alla violenza che risponde a quella che si chiama violenza economica, in quanto le donne vengono private del lavoro e di conseguenza dei mezzi economici per riniziare una vita e per mantenere i propri figli

Ultimo, non per importanza, il capitolo sul recupero degli uomini maltrattanti con un finanziamento di 9 milioni nel 2022, 6 milioni destinati alla istituzione e al potenziamento dei centri per il recupero e la riabilitazione degli uomini maltrattanti a cui si aggiunge 1 milione per attività di monitoraggio e raccolta dei dati e 2 milioni per i percorsi di trattamento psicologico per il reinserimento sociale dei condannati per reati sessuali.