Skip to content

Elezione del Senato: sì definitivo al voto dei 18enni (di Draga Rocchi)

This is Tooltip!

Approvato oggi, 8 luglio 2021, in via definitiva il Ddl costituzionale che abbassa l’età di voto per il Senato da 25 a 18 anni. Il testo, passato con maggioranza assoluta nell’aula di Palazzo Madama,  modifica l’art. 58 della Costituzione in materia di elettorato per l’elezione del Senato della Repubblica, sopprimendo il vincolo d’età che riservava la facoltà di voto solo a chi avesse compiuto 25 anni. Da oggi, come già accade per la Camera, sarà permesso ai 18enni di partecipare all’elezione dei senatori.

È una giornata storica per la nostra Repubblica: un passo avanti che rafforza la capacità decisionale del sistema democratico. Dalle prossime elezioni, per la prima volta, circa 4 milioni di giovani elettori potranno votare per entrambe le Camere.

E il messaggio è forte: la politica ha bisogno dei giovani, del loro coinvolgimento e della loro capacità di scegliere.  

L’estensione del diritto di voto al Senato ai 18enni offre un nuovo strumento di partecipazione e sfata il falso mito dei giovani disinteressati alla politica, dando voce ad una generazione che ha dimostrato, con grandi manifestazioni di piazza, di voler dire la sua su temi centrali come l’ambiente e i diritti. Oggi quelle richieste di un nuovo protagonismo entrano in modo ufficiale nel sistema, per rinnovarlo.

Finalmente i giovani avranno più forza nella scelta dei loro rappresentanti e saranno più coinvolti nella possibilità di costruire il loro futuro.

Questo nuovo diritto porta con sé una responsabilità per tutti: è decisivo formare cittadini consapevoli, dotati di senso critico e desiderosi di partecipare alla vita pubblica. È una riforma culturale, una cura alla sterilità dell’antipolitica.

Ora è davvero in gioco la formazione di un’estesa coscienza civica.

Il voto di oggi restituisce centralità al Parlamento e chiama a gran voce i più giovani a partecipare ai processi decisionali: da passivi destinatari delle politiche pubbliche, i giovani potranno essere protagonisti responsabili, diventando il cuore e il motore del processo di riforma del Paese.