Skip to content

«Time4child», entra nel vivo: panel online anche con i prof della Sapienza

Corriere della Sera

‘Una comunità di saperi’ per accompagnarci nella scoperta di un futuro complesso. E’ entrata nel vivo la più grande manifestazione digitale dedicata ai ragazzi e alle famiglie. Partita lo scorso 9 novembre, Time4child (che prende il nome dalla omonima cooperativa sociale), ogni giorno fino al 22 novembre accoglie sulla sua piattaforma (www.time4child.com) eventi live, seminari interattivi, laboratori e panel costruiti attorno a quattro aree di interesse: Cibo, Mente, Salute e Sostenibilità. Al centro, la crescita della persona. Padrino dell’iniziativa è l’attore Stefano Accorsi: “Noi genitori ci facciano sempre molte domande. Come posso spiegare a mio figlio questo momento difficile, come posso aiutarlo a trovare la sua strada nella vita, ad essere forte e anche felice? Time4child con l’aiuto di specialisti, scienziati, medici, artisti, sportivi, uomini di cultura ci aiuta a trovare insieme quelle risposte”.

L’idea è di Luca Bernardo (Fatebenefratelli di Milano) e Gian Vincenzo Zuccotti (ospedale Vittore Buzzi dell’ASST Fatebenefratelli – Sacco) scesi in campo con l’obiettivo cruciale di “trasmettere informazioni che possano fare la differenza nella vita dei più giovani”. Soprattutto attorno ad un tema di stringente attualità come il Covid-19, affrontato con l’incontro ‘Capire il Virus. Cacciare la paura’, perché i virus vanno conosciuti fin da piccoli per conviverci con più consapevolezza. La ricerca, in tal senso, riveste un ruolo fondamentale: ne hanno discusso Giuseppe Ippolito, direttore scientifico INMI ‘Lazzaro Spallanzani’, e i ricercatori del Cnr – ISMed Tiziana Masullo e Luca Caruana. Gli esperti si sono confrontati sul cyberbullismo nell’ambito di due incontri. Per ‘La tecnologia non è neutrale’, sono intervenuti Josè Del Corral, presidente della Fondazione Scholas Occurrentes, fondata da Papa Francesco, e il ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti.