Skip to content

Sostenibilità e impresa: due realtà che possono e devono incontrarsi

Time4child e ConsumerLab insieme per Future Respect: il primo congresso nazionale dedicato alle aziende, esperti e cittadini che vogliono far scattare la scintilla della trasformazione sostenibile

La “trasformazione sostenibile” è uno degli argomenti più in voga degli ultimi anni. Una discussione importante, a cui deve corrispondere una corretta sensibilizzazione e informazione. Spesso, infatti al termine vengono associate solo le tematiche ambientali e la lotta al cambiamento climatico, mentre racchiude al suo interno molto altro. Si tratta di un percorso complesso e profondo, ancora troppo poco sviluppato e spesso purtroppo strumentalizzato dal marketing.

Basti pensare che nel panorama italiano meno di 2000 imprese su 4 milioni redigono un Bilancio di Sostenibilità: un chiaro segno che non sono solo i cittadini-consumatori a dover essere sensibilizzati, ma lo stesso settore industriale e delle piccole e medie imprese. Soprattutto, che le due realtà devono essere messe in contatto e comunicazione per essere entrambi attori di un cambiamento reale.   

Ecco perché T4C, assieme a ConsumerLab, Markonet e Idea Congress, organizza Future Respect: il punto di incontro tra imprese, enti locali, esperti e cittadini per mostrare le buone pratiche, fatti concreti, esempi positivi per far scattare la scintilla dell’evoluzione sostenibile nell’economia italiana.

L’evento si terrà dal 10 al 12 giugno su piattaforma digitale Health Polis e in presenza allo Stadio di Domiziano, Roma.

Ne parliamo con l’ideatore Francesco Tamburella.

Quali sono le definizioni corrette di sostenibilità?

Parlare di sostenibilità significa parlare di produzione e consumo in una ottica di sviluppo che sia capace di soddisfare i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri. Le imprese devono pensare al profitto garantendo anche il benessere generale, la coesione e l’equità sociale, il rispetto dell’ambiente.  

Quale lo stato della trasformazione sostenibile in Italia?

La quasi totalità delle Imprese ancora non ha neanche nemmeno iniziato a pensare alla transizione sostenibile, e le poche che si impegnano spesso spiegano la loro trasformazione in maniera generalmente poco efficace, artificiosa, superficiale. Il veicolo sono i Bilanci di Sostenibilità che però non arrivano ai Consumatori.  

Perché le aziende faticano ad abbracciarla?

Affinché la cultura della Sostenibilità possa affermarsi occorre avviare un percorso pragmatico. In poche parole: meno slogan e parole di circostanza, più risultati concreti. Un percorso graduale, che sia in sintonia con tutta l’attività produttiva che deve modernizzarsi in ogni sua parte pensando al futuro di tutti, natura in testa. Serve trasparenza, semplicità, coerenza.  

Come sta cambiando la consapevolezza delle persone?

La parola sostenibilità è sulla bocca di tutti senza concretizzare risultati diffusi e visibili; troppe parole, autoreferenziali, pochi fatti e ancora meno effetti. La pandemia ha accelerato la sensibilità nei valori che il consumismo aveva oscurato. Le persone infatti hanno desiderio e urgenza di vivere in maniera meno superficiale e disinvolta, rendendosi conto che stanno corrompendo il futuro dei figli dei nipoti.  

Come mettere assieme aziende, enti locali, esperti e cittadini consumatori?

Abbiamo pensato ad un Congresso che permetta di fondare una Comunità di imprese, enti locali, terzo settore, cittadini consumatori per avviare un confronto di esperienze, uno scambio di idee per costruire un futuro giusto per tutti, per poter creare le condizioni adatte alla trasformazione sostenibile dei modi di produrre e consumare.  

Il Congresso vuole quindi colmare il vuoto tra la crescente sensibilità e il necessario bisogno di superare le troppe crisi che si susseguono rispetto alla reale condizione del mercato. Lo stesso mondo della finanza, una delle cause principali delle suddette crisi, sta cambiando pelle, così come la politica, che ormai si è convinta che lo sviluppo non può che essere sostenibile.

10 – 12 Giugno 2021
Piattaforma Health Polis – Stadio Domiziano in Roma
Future Respect 2021
Impresa sostenibile, pratiche a confronto