Mission

Time4child nasce dalla constatazione che fare il genitore, oggi, è più difficile di quanto non fosse farlo in passato

Da una parte, questa evoluzione testimonia i contributi scientifici e pedagogici che hanno arricchito il panorama delle conoscenze a disposizione di chi cresce e di chi educa. Corretta alimentazione, corretti stili di vita, educazione sentimentale, pensiero critico e un concetto di autorità fondato sempre più sulla fiducia e il confronto sono solo alcune delle informazioni delle dinamiche relazionali che possono circolare tra genitori, figli e figlie, rendendo più profondo il rapporto, più ricco l’insegnamento e più duraturo l’impatto benefico dell’educazione, garantendo una crescita più sana, un’aspettativa di vita più lunga, una felicità più facile da cogliere con gli strumenti della parola, della tolleranza e della comprensione reciproca.

D’altra parte, però, non si può nascondere che esista un certo grado di incertezza sul futuro che si riflette nella difficoltà, da parte dei genitori, di sapere cosa sarà meglio per i loro figli nel medio e lungo termine. Guardando ai cambiamenti avvenuti nella società a cavallo degli anni Duemila, infatti, come possiamo pretendere che i genitori riescano a immaginare, per esempio, quali saranno gli studi migliori e gli impieghi più redditizi nei prossimi trent’anni?

Ciò che è cambiato rispetto al passato, infatti, è la crescita esponenziale della velocità nel cambiamento stesso. La società è cambiata molto tra gli anni ’60 e gli anni ’80. Ma è stata completamente rivoluzionata tra il 1990 e il 2019. E non sono solo i lavori e le conoscenze a cambiare in fretta. Anche i pericoli lo fanno. Come possono i genitori anticipare le minacce delle quali non hanno avuto alcuna avvisaglia? Come prevedere l’insorgere del cyberbullismo o della dipendenza da videogiochi? Come cogliere i sintomi? Come affrontare, assieme ai figli, la cura e la difesa?

Time4child nasce dal presupposto che molte risposte a queste domande esistano già, ma che non possano essere le singole coppie di genitori a trovarle tutte e da soli. Quello che Time4child vuole creare è una rete di comunità: una serie di occasioni attraverso le quali le informazioni si trasmettono dalle persone che le hanno – medici, scienziati, amministratori pubblici e privati, ricercatori – alle persone che le devono poter ricevere: i genitori, i loro figli e le loro figlie.

E non si tratta solo di affrontare problemi specifici o educare a comportamenti corretti. Ciò che rende il futuro così enigmatico è il fatto che non è mai possibile anticiparlo tutto. Ma sappiamo, fin d’ora, che sarà la visione delle nuove generazioni a contribuire a dargli forma; la loro capacità di immaginare, il loro ottimismo, l’elasticità del pensiero farà la differenza per tutti quelli che verranno dopo.

Time4child si propone di trasmettere queste conoscenze e questi strumenti: come crescere sani, consapevoli del proprio tempo e, per quanto possibile, sereni e in pace con sé e con gli altri; come cogliere le occasioni della contemporaneità; come riconoscerne i pericoli; come non accettare passivamente ciò che è, ma impegnarsi per creare ciò che si vuole succeda. Questo bagaglio di saperi e aspirazioni può essere reso accessibile, al maggior numero di bambini, con appuntamenti e attività mirate durante il percorso di crescita, affiancando e arricchendo l’educazione dei genitori e della scuola. Pensiamo che questa attività sia necessaria e benefica non perché i genitori o gli educatori contemporanei sappiano meno cose dei loro predecessori o siano meno bravi ad insegnarle. Al contrario, invece, è il mondo contemporaneo a richiedere molte più conoscenze per essere navigato e molto più approfondite di quanto servisse possedere un tempo.

Questa è la complessità del presente, ma non deve spaventare. La complessità è la costante del contemporaneo: la accettiamo e la affrontiamo con successo in tanti campi, dal lavoro, alla tecnologia, alla salute. In ognuno di questi ambiti accettiamo che ci siano reti che ci aiutano e ci affiancano nelle scelte. Time4child vuole essere una di queste reti, perché pensiamo sia possibile trasformare la complessità in un vantaggio per il futuro delle nuove generazioni